Ah, gli anni 80, quando per fare il wrestler dovevi avere un costumista psicopatico.

Continuiamo la nostra carrellata sui clown muscolosi che hanno allietato i nostri pomeriggi di bambino menandosi in tv.

Oggi parliamo dell’amico/nemico storico del grande Hulk Hogan, ovvero Macho Man.

Randy Savage, nato Randall Mario Poffo nel 1952, dedica la sua intera carriera a rivoluzionare il mondo della moda, proponendo nuove spettacolari creazioni che neanche la famiglia Forrester sotto acido. L’avventura da wrestler si rivela quindi una furba copertura per distrarre i concorrenti stilisti.

Il nostro amico Randy rimane uno dei volti più conosciuti e ricordati del periodo d’oro della WWF, possedendo tutte quelle qualità che rendevano i lottatori dei grandi simboli per i ragazzini: i già citati costumi, la parlata (con quella inconfondibile voce roca), una seCSi topa come manager, delle pose plastiche e, anche se non fondamentale, una discreta prestanza atletica.

Anche stavolta mi limiterò a ricordare i fatti salienti della sua carriera, per una cronistoria precisa di ogni suo incontro esiste l’amico uichipiede.

Il vero inizio degno di nota risale al 1985 quando Savage fa il suo ingresso nella WWF e diventa Campione Intercontinentale dopo aver battuto in maniera illecita Tito Santana (con un mattarello nascosto nelle mutande) e, grazie a un periodo di blocco dello scrittore degli sceneggiatori, vi rimarrà per il periodo più lungo della storia, circa 14 mesi. Dopodichè i burattinai della WWF si svegliano dal torpore  e lo fanno perdere contro Ricky Steamboat, leggermente irritato per un colpo sleale di Savage alla laringe che gli impedì di cantare al coro della parrocchia per diverse settimane.

Il 1988 è l’anno della consacrazione, il personaggio piace al pubblico e si assiste così all’incoronazione di Macho Man a Campione del titolo massimo: l’incontro si svolge contro Ted DiBiase il quale si porta come valletta di accompagnamento la graziosa Andrè the Giant. Miss Elizabeth, la manager di Savage, comprendendo di non poter vincere contro cotanta bellezza sparisce dal ring per ritornare con i rinforzi, nella fattispecie con Hulk Hogan che con i suoi cori da stadio inciterà l’amico Randy e gli permetterà di vincere la cintura.

Fino a quel momento Savage è sempre stato considerato un heel, grazie anche all’atteggiamento maschilista che aveva verso la sua manager, ma dopo questo incontro diventa ufficialmente uno dei buoni: fondamentale sarà l’unione con Hulk Hogan nel team dei Mega Powers.

Ma sappiamo come va a finire in questi casi, quando c’è una topa di mezzo.

Savage diventa gelosissimo e sospetta che la moglie e l’amico se la facciano di nascosto negli spogliatoi mentre lui è in palestra ad aggiustare i pettorali: il culmine di questa gelosia sfocia durante un incontro con le Twin Towers (Akeem e Big Boss Man), Miss E. viene ferita e portata da Hogan nel backstage. Il nostro Macho rimasto solo sul ring pensa che i due siano andati a far le zozzerie e in una memorabile rissa si rompe il sodalizio tra i due. L’anno successivo Hogan riempirà di pizze l’ex amico e si riprenderà il titolo.

Savage ridiventa un cattivone, in un eccesso di modestia cambia nome in Macho King, licenzia la moglie e dopo aver consultato la rivista “le 100 donne più cattive del pianeta” si accontenta della numero 3 e la assume come nuova manager. Sensational “Queen” Sherry diventa così la sua nuova assistente di cattiverie.

La prima di queste avviene ai danni di Ultimate Warrior, i due birbanti gli fanno perdere un incontro contro Sgt Slaughter: il Guerriero non la prende bene e organizza un incontro con Savage, lo sconfitto dovrà abbandonare il ring per sempre e scrivere 100 volte sulla lavagna “sono un perdente”. Savage esce sconfitto e la sua manager, che non per niente era una cattiva, umilia lo sconfitto Macho Man tempestandolo di botte quando è ormai privo di forze. A salvarlo arriva nientemeno che Miss E. che a colpi di borsettate sconfiggerà la rivale e si riappacificherà con il suo uomo.

Nonostante nella vita reale i due fossero già sposati, per esigenze di sciobisnes, si decide di oranizzare un matrimonio farsa sul ring: tra i regali di nozze vi è quello del simpatico Jake the Snake, un serpente velenoso che fa prendere un coccolone alla gentil donzella.

Più o meno la carriera finisce qui, Savage cambierà federazione un paio di volte continuando ad avere comunque un buon successo.

Ma che fine ha fatto il nostro colorato dispensacazzotti?

Beh, dopo una “memorabile” interpretazione in Spider Man il buon Randy si è dedicato alla musica incidendo un album rap il cui fantastico singolo è dedicato al nemico Hulk Hogan.

Si è recentemente risposato dopo il divorzio finito malissimo con Miss E.

La gentile pulzella ha infatti abbandonato il machoso per fiondarsi su un altro muscoloso, tale Lex Luger, e trovare la morte in casa sua per overdose di alcool e droga.

Savage verrà ricordato per tanti motivi:

il suo modo posato e tranquillo di rilasciare interviste;

le sue entrate poco appariscenti;

e infine la sua chiusura sul ring con la quale chiudiamo anche questo articolo.

Se avete ancora altri dubbi vi consiglio lo spettacolare (lol) sito ufficiale dell’atleta, a presto!

In data 20 maggio 2011 devo purtroppo aggiornare l’articolo per comunicarvi la morte del nostro amato Macho Man che si è spatasciato con la jeep su un albero a seguito di un attacco di cuore.
Ciao Randy, menali tutti ovunque tu vada :V

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: